STAR TREK DISCOVERY, la terza stagione procede in "smart working"

Mentre i fan chiedono a gran voce un nuovo trailer e una data di debutto della terza stagione di Star Trek: Discovery, in mancanza di notizie ufficiali, gli attori e le maestranze della serie chiedono al pubblico di pazientare ancora un po'.

Con un solo trailer e un brevissimo promo all'attivo [POTETE VEDERLI CLICCANDO QUI], la terza stagione di Star Trek: Discovery sembra essere più lontana che mai. Eppure le riprese sono terminate a febbraio, appena prima che la pandemia di Coronavirus fermasse l'industria dello spettacolo, e la postproduzione della serie (effetti speciali, sonorizzazione e musiche) continua in modalità "smart working" [QUI L'ARTICOLO DEDICATO]. Perfino il doppiaggio italiano è già in corso [QUI I DETTAGLI DAL DIRETTORE DEL DOPPIAGGIO].
Interpellato riguardo alla lunga attesa da un fan su Twitter, l'attore Wilson Cruz, interprete del Dottor Culber, ha chiesto a tutti gli appassionati di avere pazienza.
Fidatevi di me, vi diranno la data di debutto [di Discovery 3] al più presto possibile, non si faranno pregare. Stanno tutti lavorando sodo alla postproduzione. Non fremete.
Il montatore Scott Gamzon ha colto l'occasione per aggiungere il suo pensiero.
La postproduzione, la sonorizzazione, gli effetti speciali e il montaggio, tutti i dipartimenti stanno lavorando sodo da casa. Ci vorrà un po' più di tempo e non è affatto semplice, ma il risultato varrà l'attesa!
Anche Jeff Russo, incaricato di comporre e dirigere l'accompagnamento musicale della stagione, dopo un iniziale periodo di attesa in cui si è dedicato alla scrittura dei brani [QUI L'ARTICOLO DEDICATO], sembrerebbe bendisposto a sperimentare soluzioni alternative pur di incidere la colonna sonora.
Secondo la rivista Variety, che ha intervistato il compositore a proposito del suo lavoro in contemporanea su ben quattro differenti serie televisive (Fargo, Umbrella Academy, Cursed e Star Trek: Dicovery), la soluzione sarebbe nella ricomposizione orchestrale di esecuzioni strumentali individuali.

Russo dispone di un'orchestra composta da 38 elementi. "Ho già sperimentato per 'Umbrella Academy' l'incisione separata, con esecuzioni di gruppi da 4 e da 16, ognuno nel proprio studio di registrazione o da casa. Poi mi inviano tutto e io aggiusto i toni, i tempi, faccio il mixaggio e li trasformo in un'orchestra. Ha funzionato davvero bene. Ma penso che funzionerà ancora meglio quando aumenterò il numero degli orchestrali. L'unico problema è che più il numero cresce, più diventa complicato ottenere il risultato. Un brano che normalmente registreremmo in tre o quattro giorni, ora ha bisogno di una settimana e mezzo di lavorazione."

In attesa della data di lancio della nuova stagione di Discovery scopriamo alcuni dettagli sui primi sette episodi CLICCANDO QUI.