Alex Kurtzman vuole più SHORT TREKS e parla dello stato di lavorazione di tutte le altre serie dello STAR TREK UNIVERSE

Le nomination agli Emmy hanno visto candidare la seconda tornata degli Short Treks al premio come Miglior Corto comico o drammatico. Ciò che rimane ancora poco chiaro è se la serie Star Trek: Short Treks avrà una sua terza stagione o se sia da considerarsi un capitolo chiuso dello Star Trek Universe.
In una recente intervista con Gold Derby, una testata del gruppo Penske Business Media (lo stesso di Variety, Indie Wire, Deadline e molti altre), Alex Kurtzman ha espresso le sue opinioni sul futuro degli Short Treks e ha parlato dello stato di lavorazione delle principali serie Trek attualmente in cantiere.

Gli Short Treks sono stati un esperimento straordinario. Quello che ho adorato è l'idea di usarli per  sperimentare toni e stili diversi, spingendoci oltre i confini di ciò che Star Trek sembra possa essere. 
Spero davvero [che ce ne possano essere altri], anche grazie alla nomination agli Emmy... Ci sono così tante forme che i cortometraggi possono assumere. Ad esempio mi piacerebbe fare un musical, mi piacerebbe farne uno in bianco e nero e vedere come possa venire. 
Probabilmente potrei pensare a cinquanta modi diversi in cui potremmo raccontare delle storie, ed esplorare cinquanta diverse piccole sfumature dell'universo di Star Trek, che potrebbero non essere le giuste sfumature per le serie titolari, anche se pensiamo sempre agli episodi degli Short Treks come storie importanti come quelle delle altre serie, ma che non abiamo il tempo di includere.
Kurtzman ha anche parlato delle future stagioni delle serie attualmente in lavorazione, di come gli autori si siano ritrovati a lavorare in remoto durante la pandemia e di cosa stiano facendo proprio ora.
Abbiamo quattro stanze degli autori [virtuali] su Zoom. Stiamo portando avanti la scrittura di Discovery [stagione 4], Picard [stagione 2], Strange New Worlds - le cui riprese nizieranno il prossimo anno - e Section 31. 
Tutto sommato abbiamo avuto la fortuna di finire le riprese di Discovery [stagione 3] 10 giorni prima di entrare nel lockdown. La sfida quindi è stata solo quella di gestire la post-produzione in remoto, seppur rallentandola. L'aggiumta degli effetti visivi e il montaggio sono stati rallentati. Stiamo montando ancora ora, e ognuno lavora sul suo [computer] portatile. 
Ovviamente la azienda che si occupa degli effetti visivi si è dovuta riorganizzare, e ci ha messo un po' per rimettersi in carreggiata. La registrazione della colonna sonora, non potendo avere tutta l'orchestra in un solo posto, è stata realizzata individualmente. Ognuno suonava la sua partitura e poi mandava il tutto a Jeff Russo che ricomponeva tutto proprio come se fossero in una sola stanza. 
Tutto questo ha preso tempo. E tutti hanno fatto la loro parte. Abbiamo avuto tutti da fare, ci siamo tenuti occupati durante questo lungo periodo di difficoltà e ora stiamo pianificando come tornare a lavorare in presenza e in sicurezza.
Dalle parole di Kurtzman si evince che le riprese non sono ancora iniziate.
Ci è voluto un sacco di tempo, abbiamo pianificato come gestire i set e i teatri di posa - stiamo ancora rifinendo la cosa - e ovviamente la sicurezza di ogni persona che ci lavora è al primo posto. Stiamo occupandocene con molta attenzione, vogliamo tutti tornare al lavoro e nessuno vuole correre dei rischi. 
Le buone notizie sono che le nostre serie animate procedono a gonfie vele, sia Lower Decke sia Prodigy. Gli animatori lavorano da casa e gli autori hanno già finito di scrivere la seconda stagione di entrambe le serie.
Infine, grazie alle sue parole, si è potuto capire che i piani originali della CBS erano quelli di distribuire la terza stagione di Discovery in primavera, mentre Lower Decks - come svelato da Mike McMahan - sarebbe dovuta uscire in autunno ma, a causa del Coronavirus, le cose sono andate diversamente.
Discovery andrà in onda subito dopo Lower Decks. Stiamo ancora finendo il montaggio e rifinendo gli effetti visisvi, ma saremo pronti molto presto e non vedo l'ora che possiate vedere la nuova stagione. Mi spiace che non siamo riusciti a distribuirla in primavera, come avevamo programmato originarialmente, ma questo è dipeso dal COVID.
Fonte: TrekCore