OTTO MOMENTI che hanno segnato la vita di GEORGE TAKEI

George Takei è universalmente conosciuto come il Timoniere della NCC-1701 U.S.S. Enterprise. La sua storia personale è ricca di avventurosi dettagli e il coming-out come membro della comunità LGBT è solo uno dei tanti passaggi della sua vita che ne hanno segnato la crescita come il fantastico essere umano che è oggi.
Scopriamo 8 momenti che hanno caratterizzato e continuano a caratterizzare la vita di George Takei direttamente dalle sue dichiarazioni rilasciate al The Guardian.
CHIAMATEMI "RE GIORGIO"
Mio padre era un anglofilo. Era di San Francisco, ma amava tutto ciò che era inglese. Adorava i re e le regine e mi ha dato il nome del Re balbuziente Giorgio VI. "George" appunto.
DIVENTARE SULU
Aver ottenuto il ruolo del Tenente Hikaru Sulu in Star Trek mi ha cambiato la vita. Il creatore della serie, Gene Roddenberry, mi aveva spiegato che l'idea di base era una metafora del fatto che la forza della Terra stesse nelle sue tante diversità; persone da tutto il mondo mettevano da parte i loro problemi e facevano squadra - andando coraggiosamente la dove nessuno era mai giunto prima.
PRIGIONIA
Mi hanno imprigionato appena dopo il mio quinto compleanno. Quel giorno è ben impresso nella mia memoria: era il 20 aprile 1942. Ho visto due soldati con i fucili che marciavano sul nostro vialetto e ricordo il riflesso del sole della California sulle baionette. Mio padre ci disse che stavamo partendo per una lunga vacanza, ma in realtà siamo stati portati al Rohwer War Relocation Center, un campo di concentramento per giapponesi americani.
PEARL HARBOR
Noi eravamo cittadini americani che non avevano nulla a che fare con Pearl Harbor, tuttavia 120.000 di noi sono stati ritenuti nemici anche se eravamo nati in California.. Eravamo Americani innocenti a cui era capitato di essere uguali a quelli che hanno bombardato Pearl Harbor. E solo per questo siamo stati imprigionati.
ARCHITETTO MANCATO
Mio padre voleva che diventassi un architetto. Ho anche studiato architettura alla UC Berkely. Sono durato due anni, ma la mia passione era la recitazione. Mio padre mi disse: "Guarda la televisione, guarda i film, guarda a Broadway. I ruoli per gli asiatici sono terribili; tutti stereotipati. E' quello che vuoi diventare?" Ho preso come una sfida personale dimostrare che aveva torto.
COMING OUT
Ho fatto coming out quando avevo già più di sessant'anni. Sono un attore d'altri tempi. Nel 20° secolo, se volevi essere un attore, non potevi uscire allo scoperto. Tuttavia ne avevo parlato a quattr'occhi con Gene Roddenberry, gli dissi: "Perché non facciamo una sceneggiatura che tratta metaforicamente la disuguaglianza del nostro sistema nei confronti delle persone omosessuali?" E lui mi rispose: "Se voglio essere in televisione tutti i miei personaggi devono essere etero."
IL RIFIUTO DI SCHWARZENEGGER
Arnold Schwarzenegger mi ha fatto uscire allo scoperto. Due anni dopo che il Massachusetts aveva approvato la legge sull'uguaglianza del matrimonio, anche la California l'aveva approvata, ma mancava la firma del Governatore Schwarzenegger. Durante la sua campagna elettorale sbandierava: "Vengo da Hollywood; alcuni dei miei amici sono gay e lesbiche", ma poi ha posto il veto. Così, per reazione, ho deciso di parlare alla stampa da gay per la prima volta grazie a lui.
I FAN DI STAR TREK
Le persone mi fermano per strada per parlare di Star Trek ogni giorno, ed è così da 54 anni. Fa parte della mia vita e ne sono ben felice.
George Takei ha recentemente avuto un battibecco con William Shatner. Scopri di più nell'articolo: GEORGE TAKEI contro WILLIAM SHATNER: chi era geloso della popolarità di LEONARD NIMOY?
Da Timoniere a Capitano. George Takei è pronto ad avere una serie di Star Trek tutta sua. Scopri di più nell'articolo: GEORGE TAKEI è pronto a tornare sull'EXCELSIOR in una serie dedicata al Capitano Sulu