Da STAR TREK: THE NEXT GENERATION a DISCOVERY, continua il sogno di UNIFICATION parte 1 e 2 nel terzo capitolo

Star Trek: Discovery - The Next Generation
In attesa di vedere il settimo episodio della terza stagione di Star Trek: Discovery, intitolato Unification III, scopriamo assieme quali ideali potrebbero legare gli episodi Unification I e II a questo nuovo capitolo.

Unification I e II, in italiano Il Segreto di Spock, parte 1 e 2, sono due episodi della quinta stagione di Star Trek: The Next Generation, andati in onda per la prima volta ben 29 anni fa. La vicenda dell'epoca girava attorno all'anziano Ambasciatore Spock (all'epoca ancora intepretato da Leonard Nimoy) e al suo sogno di riunire il popolo Vulcaniano e quello Romulano. 

L'Ambasciatore Spock aveva una missione personale: l'unificazione del popolo Vulcaniano e Romulano. Nel 24° secolo Romulani e Vulcaniani non avrebbero potuto essere più divisi. Tuttavia, Spock si rifiutò di rinunciare al suo sogno di unità. Imperterrito, accusato di tradimento, dedicò gli ultimi decenni della sua vita a questa causa, rischiando tutto per salvare il mondo natale dei Romulani.

Star Trek: The Next Generation

Quasi mille anni dopo, Michael Burnham scopre che la Federazione è caduta, non è più unita. Anche lei è determinata, impegnata, insieme all'equipaggio della Discovery, a riunire i popoli divisi e devastati della Federazione.

Nella moderna cultura occidentale, anche noi siamo diventati un popolo diviso. Il tribalismo regna sovrano. Ogni problema è diventato divisivo. Una volta la religione e la politica non dovevano essere discusse, ma ora, a quanto pare, ogni argomento è motivo di rabbia, divisione e disunione. 

Per Spock e Burnham, l'idea della riunificazione è stata padroneggiata attraverso una vita di lotte interne. Questi fratelli, entrambi figli di due mondi, hanno imparato a riconciliare al loro interno le loro doppie identità. Sono cresciuti, si sono evoluti. Al di là delle loro lotte con se stessi, Michael e Spock si sono trovati in una famiglia divisa che sono stati in grado di unificare. Spock e Michael si sono riuniti. Michael e Amanda hanno trovato una rinnovata unità. Nonostante non si sia mai goduto appieno l'intima vicinanza di padre e figlio, anche Spock e Sarek sono stati in grado di riconciliarsi e lavorare insieme per una causa comune.

Non c'è da meravigliarsi, quindi, che Spock e Michael si sentissero determinati a ricostruire e riunire le società fratturate a cui hanno assistito. Come loro, milioni di noi, oggi, hanno osservato la rabbia e la disunione che affliggono Paesi e culture in tutto il mondo. Molti candidati politici hanno promesso di essere quelli che ci "riuniranno". Ma non è così che funziona. L'unificazione semplicemente non può venire dall'alto verso il basso. Deve venire dal basso verso l'alto. 

Spock lo sapeva. Nella sua ricerca per riunire Vulcaniani e Romulani, ha rifiutato l'influenza politica, abdicando al suo ruolo ufficiale di Ambasciatore Vulcaniano presso la Federazione. Invece, si unì al piccolo gruppo di Romulani che cercavano il ricongiungimento con i loro cugini Vulcaniani. Con la crescita del movimento, Spock ha attirato l'attenzione negativa dei politici e dei militari, come Sela che vedeva la riunificazione come la conquista Romulana di Vulcano.

In effetti, troppo spesso i nostri sforzi per riunirci sono subordinati al fatto che una parte vinca sull'altra. Iniziare da una posizione così divisiva è controproducente per l'obiettivo finale. La vera unità richiede l'uguaglianza attraverso le linee razziali, di genere, sessuali, sociali ed economiche.

Come Spock nel 24° secolo, anche Michael Burnham nel 32° è un esempio di come lottare per cambiare il panorama. Michael supera i propri limiti, perfino quelli idealistici, ma pratici, della nuova Flotta Stellare, e lotta per un futuro corretto, pieno di uguaglianza, giustizia e armonia. 

Star Trek: Discovery

Come la lotta di Spock, anche quella di Micheal non darà frutti immediati. Ci vorrà lavoro e persuasione, specialmente nelle piccole e intime riunificazioni di ciascuna delle vite che incontrerà. Ma, come Star Trek ci ha sempre mostrato, il sogno dell'unificazione è un'aspirazione che vale la pena di sostenere. In apparenza, Spock fallì. I Vulcaniani ei Romulani non riuscirono a riavvicinarsi. Ma Spock ispirò i giovani che intrapresero il cammino del cambiamento. Michael Burnham crede, sogna una nuova Federazione Unita dei Pianeti, ed è disposta a tutto pur di sostenere questo sogno che si identifica, almeno inizialemente, nella ricerca della causa del Grande Fuoco.

Per realizzare il sogno dell'unità, basta un sognatore - e ognuno di noi lo può essere.

Fonte: startrek.com